In una cappella all’interno della chiesa, si trovava (ciò che adesso ammiriamo è una copia in quanto l’originale è stato trafugato nel 1994) il Bimbo più famoso e ricco del mondo: una statuetta in legno ricoperta d’oro, d’argento ed altri preziosi, raffigurante il Bambin Gesù. Si racconta che alla richiesta di una grazia, se esaudita, le labbra della statua si coloravano di rosso mentre restavano pallide se non c’era speranza.
In passato la scala dell’Ara Coeli (altare del cielo) fu causa di numerosi incidenti. Ne sanno qualcosa i contadini che nel 1700 venivano in città per vendere i loro prodotti ed avevano l’abitudine di accamparsi, nelle calde notti estive, su questi gradini, bevendo una bottiglia di buon vino ed improvvisando cori prima del sonno.
Un signorotto del tempo, certo Caffarelli, o perché il suo nobile orecchio era abituato a melodie più fini di quelle che uscivano dalle ugole degli ubriachi, o perché semplicemente molestato, per farli sloggiare non trovò niente di meglio che far rotolare all’improvviso una botte piena di sassi. Ciò provocò numerosi feriti e ci scappò anche il morto ed i contadini cercarono un altro luogo più idoneo per trascorrere le notte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...