Nell’Ottocento, a via del Biscione, avremmo visto un brulicare di giovanotti con languidi occhi; erano tutti innamorati, purtroppo analfabeti, che ordinatamente e con molta discrezione, facevano la fila davanti uno strano tipo.
Costui non aveva trovato niente di meglio che passare la vita seduto ad uno sgabello e, armato di penna ed inchiostro, scriveva lettere d’amore per quei poveri giovanotti o donzelle.
Era conosciuto come “Pubblico Scrivano” e si faceva pagare molto salato. Sei soldi se la missiva indirizzata alla fanciulla o all’amato era ordinaria, otto soldi se ardente e addirittura dieci se il richiedente la desiderava ardentissima, compilata con laboriosi arabeschi e terminante con versi poetici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...