A metà del secolo nono una donna di origine inglese, si traveste da uomo e abbandonata la patria diventa una dottissima teologa.
In seguito si trasferisce a Roma, e sempre in abiti maschili e talari, scala la gerarchia curiale fino a farsi eleggere papa alla morte di Leone IV nell’855, assumendo il nome di Giovanni.
Dopo due anni di pontificato ecco lo scandalo. Rimasta incinta e non conoscendo il tempo del parto, è presa dalle doglie nel bel mezzo di un corteo. Il pubblico parto rivela l’impostura; Giovanni diventa la papessa Giovanna, che finisce lapidata dalla popolazione e muore con il neonato in mezzo alla strada.
Questa leggenda fece dare una diversa interpretazione ad una parte del vecchio cerimoniale di investitura pontificia. Infatti nella Basilica di San Giovanni in Laterano, il neo eletto papa doveva sedersi su una sedia, che in realtà era una sella obstetrica, assumendo la posizione di una partoriente, come Mater Ecclesia.
La tradizione popolare invece fece ricondurre tale cerimoniale alla leggenda della papessa Giovanna; infatti per evitare il ripetersi del fattaccio, il papa veniva fatto sedere su quella sedia, come ha scritto il Belli “pe’ ttastà ssotto ar zito de le voje / si er Pontefice sii Papa o Papessa”,
ovvero ficcare una mano sotto gli abiti pontificali del neo eletto per controllare la sua appartenenza al sesso maschile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...