Sulla sommità occidentale del Celio sorge Villa Celimontana, nata nel XVI secolo come villa privata della famiglia Mattei.
Il giardino è arricchito da vari reperti, dovuto alla munificenza dei diversi proprietari della villa, fra cui spicca il più piccolo obelisco egizio di Roma!
Esso proviene da Eliopoli e venne eretto al tempo di Ramesses II, nel XIII secolo a.C., ma poco altro si conosce della sua storia antica. Forse era uno degli obelischi dell’Iseo di Campo Marzio, o forse è l’unico reperto del Tempio di Iside del Campidoglio.
Questo monumento venne riscoperto tra XIV e XV secolo, quando venne recuperato nei pressi del Foro e collocato di fianco all’ingresso della basilica dell’Aracoeli in Campidoglio. Nel 1582 fu donato dal Comune di Roma al collezionista Ciriaco Mattei, che lo pose nella sua villa al Celio, oggi Villa Celimontana.
Nel 1820 il nostro obelisco fu protagonista di una triste storia: la guglia necessitava di un restauro, così il nuovo proprietario della villa colse l’occasione per spostarla nella posizione in cui oggi la ammiriamo.
Ebbene, secondo la tradizione, quando l’obelisco era in procinto di essere calato, sospeso al di sopra della base, le funi cedettero improvvisamente schiacciando le mani di un operaio che stava togliendo della ghiaia dalla superficie del basamento… da allora l’obelisco non subì altri spostamenti.

Associazione Coolture – Roma