La villa dei Cavalieri di Malta, situata sul colle Aventino, è famosa in tutto il mondo grazie al “buco di serratura” ove si scorge la cupola di San Pietro. Tuttavia, in pochi sanno che fu proprio Giovanni Battista Piranesi – famoso incisore ed architetto del XVIII secolo – a restaurare la pittoresca piazza della medesima villa, nonché l’adiacente chiesa di Santa Maria del Priorato. In particolare, ad incorniciare gli “spettatori della serratura”, vi è una sontuosa recinzione in muratura, sulla quale svettano anche alcuni obelischi.
Per quale motivo proprio degli obelischi come elemento decorativo? Forse ci soccorre la tradizione: si racconta che il Piranesi, particolarmente suggestionato dall’ordine dei cavalieri di Malta, si ispirò ad un’antica leggenda che sostiene che il colle Aventino sia, in realtà, un’immensa nave sacra ai Templari in attesa di salpare.
Dunque, in un certo senso, il Piranesi volle dotare l’immensa imbarcazione di alcuni alberi, sui quali issare nuovamente le vele verso la Terra Santa.

Associazione Coolture – Roma