Il Casino del Bel Respiro è un eccelso esempio di riuso.
L’architetto della villa, Alessandro Algardi, collocò sulle quattro facciate statue, busti e medaglioni, ma soprattutto bassorilievi e fronti di sarcofago, isolati o uniti insieme a formare lunghi fregi.
La decorazione non si preoccupa della coerenza narrativa dei reperti, è li per stupire.

Associazione Coolture – Roma